Menu

Biblioteca comunale: gruppo di lettura "IL SENTIERO DEI LIBRI" - Libro del mese "La casa nel bosco” di Gianrico e Francesco Carofiglio, 5 Settembre 2018, ore 17,00

Proseguono gli incontri…..il gruppo di lettura IL SENTIERO DEI LIBRI si riunisce mensilmente nei locali della biblioteca comunale

“Dalla passione per i libri e la lettura alla costituzione di un gruppo per scambiarsi sensazioni, emozioni, pensieri su libri scelti di comune accordo”

 

Il libro del mese di agosto 2018 è La casa nel bosco di Gianrico e Francesco Carofiglio

Il prossimo incontro si terrà presso la biblioteca comunale il giorno

5 settembre 2018 alle ore 17,00

     

IL ROMANZO

La casa nel bosco ’ (Rizzoli) è il luogo dove Gianrico e Francesco hanno trascorso le vacanze della loro infanzia. Un spazio magico nella sua semplicità, perché quando si è bambini si riesce a cogliere con l’immaginazione la grandezza insita anche nelle piccole cose. La nuova storia narrata dallo scrittore-politico-magistrato Gianrico Carofiglio e dal fratello Francesco, raccontata a due voci, scritta a quattro mani, parte proprio da qui. È un libro sulla relazioni familiari, che non si scelgono e ci mettono alla prova.

Nonostante Gianrico e Francesco siano fratelli, non sono mai stati molto uniti. Crescendo, le loro vite hanno preso delle strade diverse; le differenze di carattere si sono esacerbate e il loro rapporto si è indebolito sotto le spinte del risentimento reciproco. Sembra che i due abbiano ormai perso ogni occasione di contatto, quando per caso si trovano a dover trascorrere qualche ora insieme nella casa di villeggiatura prima di consegnare le chiavi al nuovo proprietario.

Questo momento sarà la scusa per ripercorrere insieme il tracciato del passato, che si inoltra nella loro memoria condivisa come i sentieri che attraversano il bosco per arrivare alla loro casa dell’infanzia. E alla fine della strada ritroveranno una nuova dimensione dello stare insieme, fatta di ricordi, amicizie e amori trascorsi o vissuti solo col pensiero, di oggetti evocativi di un mondo ormai lontano a cui guardano con affetto malinconico.

La casa nel bosco’, con i suoi dialoghi ironici e caldi, è un libro che parla di riconciliazione, offrendo spunti di riflessione sulla nostra idea di famiglia.

Pubblicato sul settimanale Panorama il 3 aprile 2014 a cura di Silvia Malnati

 

Gli autori

Intervista di Mariangela Mianiti

Da Vanity Fair

Uno si tranquillizza cucinando dolci, l’altro mangia solo verdure e pasta integrale. Uno è goloso, l’altro schizzinoso. Francesco e Gianrico Carofiglio hanno deciso di scrivere, insieme, un romanzo. E hanno scoperto alcune cose

Essere fratelli e fare lo stesso mestiere, lo scrittore, non dev’essere facile. Bisogna essere molto risolti per gioire dei successi dell’uno o della creatività dell’altro. Con questa curiosità arrivo a Bari per parlare con Francesco e Gianrico Carofiglio della Casa nel bosco, memoir scritto insieme e che ruota attorno ai ricordi di infanzia legati ai piatti cucinati soprattutto dalle due nonne. 

Non è la prima volta che lavorano insieme, nel 2007 hanno pubblicato Cacciatori nelle tenebre, graphic novel scritta da Gianrico e illustrata da Francesco; ma è la prima volta che scrivono un romanzo a quattro mani. L’esito è uno stile univoco come se le loro nature, diversissime, avessero trovato una sintesi spontanea. All’appuntamento al Teatro Petruzzelli trovo solo Gianrico. 52 anni, ex magistrato, ex senatore Pd, è uno dei pochi scrittori italiani a poter vivere di questo mestiere, avendo venduto 4 milioni di copie tradotte in 24 lingue. «Francesco non si sente bene, la accompagno da lui dopo», dice Gianrico mentre mi mostra la città vecchia e il lungomare.

Mi racconti la genesi del libro. «Se qualcuno un anno fa mi avesse detto che avremmo scritto insieme, gli avrei risposto che era pazzo. Io e Francesco siamo molto diversi nella scrittura, così come lo eravamo anche da bambini: lui schizzinosissimo io goloso, io cialtrone estroverso lui introverso, lui più bravo a disegnare e a suonare il pianoforte. Quando mi hanno chiesto un memoir gastronomico sentimentale, ho pensato che sarebbe stato divertente confrontarci su un tema apparentemente piccolo. È stato istruttivo, anche se in certi momenti ci saremmo presi a bottigliate in testa». Perché? «Punti di vista diversi su tutto. Il bello è stato imparare ad accettare la visione dell’altro per creare un’omogeneità di fondo». È stato geloso di lui? «Provai una sana invidia nel ’99, quando mi fece leggere 30 pagine del suo primo romanzo,”With or without you”. Pensai: "che roba!". Io sognavo da sempre di scrivere, ma non lo avevo mai fatto. Quella lettura fu una delle ragioni che mi spinse a iniziare. In questo gli sono debitore». Nel libro tutto comincia dalla casa di vacanza che state per vendere. Esiste davvero? «Sì. Per anni è stata la casa delle nostre estati. Poi mio padre è morto, non ci andava più nessuno e non aveva senso tenerla, così l’abbiamo venduta». Come mai ha rinunciato a fare il magistrato? «Non mi sembrava dignitoso rimanere. Lo avrei fatto come secondo lavoro e non sarebbe stato giusto verso la gente. Ho momenti di nostalgia per il lavoro investigativo, che mi piaceva molto».

Casa di Francesco, palazzo borghese e fané, soggiorno in penombra. Ariel, la sua gatta, controlla il territorio.

Gianrico dice che l’artista di famiglia è lei: illustratore, pittore, architetto, regista, attore, scrittore. «Non mi piace la definizione "artista di famiglia". E poi la parola artista è abusata. Il mio è minuzioso artigianato». Come vive il fatto che lui sia più famoso? «Mi sono chiesto perché lui sì e io no. La risposta è semplice: quello che lui ha scritto è perfetto e piace al mercato. Quello che ho scritto io è molto diverso e può non avere mercato. Bisogna essere quello che si è, il resto è una conseguenza». Mi dica, allora: perché avete scelto il cibo come tema centrale del libro? «Perché è insieme territorio di condivisione e conflitto. Io amo verdure, pasta integrale, niente carne, poco piccante, Gianrico il contrario. Io adoro il fegato di merluzzo, Gianrico detesta il merluzzo». Ma lo ha mangiato davanti a me! «Ah be', allora sta guarendo».

Chi volesse inserirsi nel gruppo può farlo liberamente in qualsiasi momento, decidere di saltare incontri e riprendere a partecipare secondo il proprio bisogno e in totale autonomia.

Gli incontri si tengono nei locali della Biblioteca comunale, presso il Centro polivalente di via Fara.

 

Scheda del mese di agosto 2018: "La casa nel bosco" di Gianrico e Francesco Carofiglio

Scheda del mese di luglio 2018: "Il percorso dell'amore" di Alice Munro

Scheda del mese di giugno 2018: "La coscienza di Zeno" di Italo Svevo

Scheda del mese di maggio 2018: "Coral Glynn" di Peter Cameron

Scheda del mese di aprile 2018: "Se una notte d'inverno un viaggiatore" di Italo Calvino

Scheda del mese di marzo 2018: "Otto mesi a Gazzah Street" di Hilary Mantel

Scheda del libro del mese di febbraio 2018: "La moglie" di Jhumpa Lahiri

Scheda del libro del mese di gennaio 2018: "Memorie dal sottosuolo" di Fedor Dostoevskij

Scheda del libro del mese dicembre 2017: "Del dirsi addio" di Marcello Fois

Scheda del libro del mese di ottobre 2017:"Da dove la vita è perfetta " di Silvia Avallone

Scheda del libro del mese di settembre 2017: "La bellezza delle cose fragili" di Taiye Selasi 

Scheda del libro del mese di agosto 2017: "La pioggia prima che cada" di Jonhatan Coe

Scheda del libro del mese di luglio 2017: "1984" di George Orwell

Scheda del libro del mese di giugno 2017: "Dio di illusioni" di Donna Tartt

Scheda del libro del mese di maggio 2017: "La più Amata" di Teresa Ciabatti

Scheda del libro del mese di aprile 2017: "Le colpe dei padri" di Alessandro Perissinotto

Scheda del libro del mese di marzo 2017: "Non dirmi che hai paura" di Giuseppe Catozzella

Scheda del libro del mese di febbraio 2017: "Il rumore del tempo" di Julian Barnes  

Scheda del libro del mese di gennaio 2017: "La tentazione di essere felici" di Lorenzo Martone

Scheda del libro del mese di dicembre 2016:"La custode del miele e delle api" di Cristiana Caboni

Scheda del libro del mese di novembre 2016: "Gli anni al contrario" di Nadia Terranova

Scheda del libro del mese di ottobre 2016: "Maria di Isili" di Cristian Mannu

Scheda del libro del mese di settembre 2016: "Tina" di Alessio Torino

Scheda del libro dei mesi luglio/agosto 2016: "La figlia Sbagliata" di Raffaella Romagnolo 

Scheda del libro del mese di giugno 2016: "Il Maestro e Margherita" di Michail Bulgakov   

Scheda del libro del mese di maggio 2016: "Opinioni di un clown" di Böll Heinrich.

 

Il libro del mese di aprile è stato "Paese d'ombre" di Giuseppe Dessì, Premio Strega del 1972

 

Locandina informativa

Modulo domanda